Home Un post in....quarantena!

    Un post in….quarantena!

    111
    0
    CONDIVIDI

    Non me l’ero certo immaginato così un nuovo post sul mio blog dopo tutto questo tempo che non vi ho scritto più. Un post dove avrei tantissime cose da dire, ma che non ho il coraggio di cominciare per tutto quello che sta accadendo nel mondo intero. Anch’io come la stragrande maggioranza della popolazione d’Italia e, ahimè, del mondo, vivo una situazione di continua paura e malessere a causa di questo Coronavirus che ci sta colpendo con una rapidità impressionante, seminando morte, dolore e sofferenza ovunque intorno a noi. Milioni le persone che sono morte, ancora di più le persone contagiate. Ormai viviamo in un momento storico che non ha eguali, che ricorderemo persino nei libri di storia. Siamo stati obbligati a rimanere in casa, ad uscire solo per necessità sanitarie o alimentari. I miei figli non vanno a scuola dal 21 febbraio. Ho dovuto sospendere il mio lavoro, proprio quando ero riuscita, con molti sforzi, a destreggiarmi col lavoro sia nel mio laboratorio sia in una pasticceria con cui da poco tempo stavo collaborando. Un ambiente meraviglioso, persone stupende, il lavoro che ho sempre adorato con la possibilità di imparare cose nuove ogni giorno di più. Ad un certo punto la vita di tutti, compresa la mia e quella della mia famiglia, si è dovuta fermare. Ormai esco di casa, più o meno una volta a settimana o ogni 10 giorni circa, solo per fare la spesa. E credetemi, lo scenario che mi ritrovo a vivere è così raccapricciante che esco sempre con un nodo in gola e il cuore che mi batte all’impazzata. Penso e ripenso sempre alle stesse cose: la mascherina che mi impedisce di respirare, mantenere la distanza di almeno 1 metro dalle altre persone, la speranza che la fila chilometrica fuori dal supermercato si accorci al più presto e l’ansia di voler fare il più presto possibile per ritornare immediatamente a casa, perchè intorno a me ci sono altre persone come me, le quali, proprio come me vivono il mio stesso dramma, la mia stessa paura e l’aria diventa così pesante da diventare irrespirabile. Scenari apocalittici, come le scene di un film. Eppure è tutto vero. Questo è il guaio. Dicono che la situazione stia man mano migliorando un pochino, ma a me non sembra. Se tutto va bene per fine Aprile…..metà Maggio saremo liberi. Forse. Altrimenti continueremo così. Così però non è un granchè come cosa. Le giornate passano quasi tutte allo stesso modo, ormai ci si annoia e si scelra per il fatto che non si può uscire e vedere altre persone. Come ben potrete immaginare mi sto dedicando molto alla cucina e ai fornelli. Sto preparando l’impossibile, sto mangiando l’inimmaginabile…..e credo che dopo la quarantena ci voglia un viaggio nel deserto per perdere tutti i chili che ho messo su in questo periodo!!!!……..ma questo poco importa adesso. Quello che conta è che stiamo tutti bene, che tutto si risolva per il meglio e che questa terribile pandemia ci abbandoni per sempre lasciando il posto alle nostre vite e ai nostri sogni da realizzare. Sono fiduciosa, devo esserlo. Devo raccontare ai miei figli che il mondo guarirà e che ne usciremo di sicuro cambiati, se non per certi versi addirittura migliorati. Vi lascio una buonanotte, con la promessa di infondere un pò di speranza con qualche mia ricetta al più presto possibile. Vi abbraccio.

    N.B.: L’immagine che ho scelto per il post di oggi non è stata scelta a caso. L’ho scelta perchè il mare è il primo posto in cui vorrò andare appena mi sarà possibile.

    Un post in....quarantena!
    Print Recipe
    Un post in....quarantena!
    Print Recipe
    Powered byWP Ultimate Recipe
    CONDIVIDI
    Ricetta PrecedenteBistecche di pollo alla griglia
    Ricetta SuccessivaTwix cookies
    Ersilia
    Non sono una cuoca, sono solo una delle tante persone che adorano pasticciare in cucina e che vogliono condividere con gli altri questa smisurata passione, mettendo a disposizione di tutti ricette di famiglia e non solo.