Home Cosa vuol dire realizzare una torta così? ...piccolo sfogo di una coccinella.

    Cosa vuol dire realizzare una torta così? …piccolo sfogo di una coccinella.

    1220
    0
    CONDIVIDI
    btr

    Cosa vuol dire realizzare una torta così?
    Beh, a prima vista c’è la reazione delle persone che si trovano davanti una torta decorata che rispecchia più o meno le aspettative di quello che mi avevano ordinato. Ci può stare lo stupore di chi la vede per la prima volta. Ci può stare l’euforia di chi, con occhi meravigliati, la osserva e pensa che sia davvero bella. Ci può stare sicuramente il disappunto di chi, osservandola, trova che non sia nulla di eccezionale, viste le imperfezioni e i difettucci qua e là. Ci stanno gli occhi brillanti e gioiosi dei bambini che vedono una torta coi loro personaggi preferiti e non c’è nulla di più bello. C’è la soddisfazione di chi ti ferma per strada e ti dice che la torta che ha mangiato al compleanno del suo amico, fatta da me, non solo era bellissima, ma era anche buonissima. Ci sono tutte queste cose e molte altre di più.Per fare una torta così ci vogliono gli ingredienti giusti. Ci vogliono le materie di prima qualità che garantiscono la sicura riuscita del dolce che si andrà a mangiare.Ci vogliono ore passate su un foglio bianco su cui organizzare non solo un disegno di quella che sarà la torta finita secondo le caratteristiche richieste dal cliente, ma anche stratagemmi ed ingegni per realizzarli materialmente. Ci vuole una passione e una pazienza infinita per tutti i dettagli e le piccolezze che, sempre a mano, rendono la torta davvero speciale. Ci vogliono ore passate a lavorare la pasta di zucchero che dev’essere ammorbidita, rigorosamente a mano, e colorata col colore che serve al momento. Avete idea di quanto sia dura la pasta di zucchero che esce dal secchiello prima di essere lavorata col calore della mani e la forza delle braccia? Credo di no. Per rendervi l’idea ve la posso paragonare quasi ad un pezzo di legno. E lavorarla, colorarla e stenderla vi assicuro che è tutt’altro che semplice. Ci vogliono giorni di lavoro che tolgo ai miei figli, alla mia casa e a mio marito. Ci sono domeniche che sacrifico senza uscire con la famiglia anche se è bel tempo, perchè c’è consegnare una torta. Ci sono giorni in cui c’è da combattere contro il caldo o l’umidità delle stagioni che rendono la lavorazione della pasta di zucchero davvero impossibile da maneggiare. Eppure lo si fa. Ecco, questo è quello che faccio io. Un lungo lavoro ARTIGIANALE dietro una “semplice” torta. Credo in quello che faccio, adoro quello che faccio e sono orgogliosa di me stessa.Per questi motivi non permetterò mai più a nessuno di vanificare il lavoro mio e quello di mia sorella che mi da una grande mano, prendendosi meriti e guadagni su cose che abbiamo fatto noi con tanti sacrifici. Io ci metto il cuore, la faccia e il buon nome di Cocci di Coccinella. E le soddisfazioni per fortuna arrivano sempre da chi sa apprezzare il mio lavoro, con complimenti non solo per la bellezza di una torta, anche e sopratutto per la bontà delle torte che preparo con le mie mani, dall’inizio alla fine. A testa alta sempre!

    P.S.= ….ops, dimenticavo! Tutto quello che realizzo è da AUTODIDATTA. Fra poco Cocci di Coccinella andrà a scuola e poi…..poi ne vedrete veramente delle belle! 😉
    …a buon intenditor….!

    Cosa vuol dire realizzare una torta così? ...piccolo sfogo di una coccinella.
    Print Recipe
    Cosa vuol dire realizzare una torta così? ...piccolo sfogo di una coccinella.
    Print Recipe
    Powered byWP Ultimate Recipe
    CONDIVIDI
    Ricetta PrecedenteSweet Table tema Unicorno
    Ricetta SuccessivaIl Natale di Cocci di Coccinella
    Ersilia
    Non sono una cuoca, sono solo una delle tante persone che adorano pasticciare in cucina e che vogliono condividere con gli altri questa smisurata passione, mettendo a disposizione di tutti ricette di famiglia e non solo.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here